Don’t miss it in 2017 Tag – Episode #2: Hair

Altro giro, altra corsa! Dopo il primo episodio, dedicato al viso (che trovate QUI), oggi, come vi avevamo anticipato nel post introduttivo del tag (lo trovate QUI), si parla di capelli. Sovente, l’avvicinamento al mondo dell’ecobio si deve proprio alla ricerca di una chioma da urlo: nel mio caso è così, e il mio trampolino di lancio è stato il gruppo che oggi si chiama Navicella D’Avorio (QUI il link).
 
I miei capelli sono un vero problema: nella mia vita hanno tollerato valanghe di cloro (facevo nuoto a livello agonistico), decolorazioni selvagge (qualcuno ricorderà la mia biondoplatinitudine, come mi piace chiamarla) fatte su capelli cotonati (!) e colpi di testa vari ed eventuali. In più, da circa tre anni ho una specie di dermatite seborroica che non capisco come abbia fatto ad apparire dal nulla, tuttavia mi tormenta a periodi alterni, in maniera più o meno presente. 

 


Viene da sè che lo shampoo sia il mio cruccio numero uno: è determinante per mantenere il cuoio capelluto pulito e libero da forforina e croste. Sfortunatamente non ho ancora trovato il MIO prodotto, tuttavia per il momento utilizzo con soddisfazione lo Shampoo ai Probiotici per capelli normali della linea Homocrin HQ+ di Specchiasol

Perché lo adoro? Non avrei mai detto che mi potesse piacere così tanto: l’ho acquistato per caso insieme ad una rivista di qualche mese fa, e mi ha conquistata! Contiene Aloe, Calendula e Camomilla, quindi è molto lenitivo per il cuoio capelluto, e ha un pH leggermente acido (5,5), perfetto per chiudere le squame del capello e renderlo docile. Inoltre, lava bene e fa una leggera schiuma, delicatissima ma funzionale, per cui i capelli restano puliti a lungo.

Da pochissimo, inoltre, ho inserito nella mia routine il Sapone Antiossidante di Domus Olea Toscana, una rivelazione! Ha a sua volta un pH acido, per cui è indicato anche come shampoo e detergente intimo (Ale ve l’ha recensito QUI), mi ha dato molto giovamento per il prurito fin dal primo utilizzo e l’ho trovato molto delicato: se anche voi avete un cuoio capelluto problematico e capelli ingestibili, vi invito a provarlo!

Non può poi mancare un piccolo spargishampoo: ho scelto quello di Biofficina Toscana nella sua versione travel, che trovo utile per preparare la quantità di shampoo sufficiente per un unico lavaggio, in modo da diluirlo di volta in volta. Possiedo anche la variante da 250 mL, e la uso per diluire l’aceto e fare l’ultimo risciacquo (acido) ai capelli… fatemi sapere nei commenti se vi interessa un post dedicato!

Passiamo al balsamo: non potrei mai stare senza! Come vi dicevo, i miei capelli sono reduci da numerose esperienze tintorie, ed essendo anche lisci e sottili hanno bisogno di tanto nutrimento e di essere districati (dopo lo shampoo, ho un pagliaio in testa). Il Balsamo Concentrato Attivo Biofficina Toscana è il mio primo amore e ogni tanto torno da lui, ma in situazioni di emergenza (e con un budget molto ridotto) c’è BioQ che viene in mio soccorso: l’ho acquistato per caso all’OVS, pagandolo intorno ai 4 euro (online costa meno).

Perché lo adoro? Il suo altissimo potere districante fa sì che non abbia nulla da invidiare al suo collega, nonché conterraneo (BioQ è un’azienda di Poggibonsi), inoltre la variante Menta e Timo (che vedete in foto) contiene pochi oli e molti oli essenziali, quindi funziona a meraviglia sui capelli grassi, che risultano morbidi e districati, ma non appesantiti. Se come me però avete i capelli secchi, potete scegliere la variante alla Camomilla, quella al Miele o quella all’Argan, più adatti alle nostre esigenze e comunque rispettosi del cuoio capelluto.

 

 

La maschera, per un capello così delicato come il mio, è essenziale: sono pigra fino al midollo e le mie giornate sono fin troppo piene, così spesso salto questo step, ma ammetto che quando ne faccio uso la differenza si nota eccome. Per andare sul sicuro utilizzo la maschera Essere al Cocco e Vaniglia: quasi sicuramente amerete l’odore (io no, perché è come quello dell’Addolcilabbra al Cocco ed è piuttosto dolce e stucchevole), e non saprete più rinunciare a quella setosità che conferisce ai capelli.

Perché lo adoro? Sicuramente è uno dei prodotti ecobio per capelli più riusciti che abbia mai utilizzato, nutre in profondità i capelli e, se usata con costanza per gli impacchi pre-shampoo, li rinforza e li rende lucidi e setosi.

Lo styling è per me abbastanza semplice e veloce (il lato positivo della mia tipologia di capelli): utilizzo un prodotto che mi consenta di mantenere le punte idratate, e fisso il tutto con un piccolo spruzzo di lacca. L’Hair Serum Naturcos è un siero all’argan dall’INCI verdissimo e dal profumo agrumato e leggero, che ho comprato su Maquillalia per raggiungere la soglia delle spese di spedizione gratis: non gli avrei dato due lire, e invece dopo quasi un anno non saprei farne a meno. 

Perché lo adoro? Nonostante sia bello denso (infatti va dosato con cautela, o rischiate di ritrovarvi i capelli unti) e un po’ laborioso da distribuire, i capelli restano setosi, e grazie a questo non si annodano: inoltre aiuta i capelli a tenere la messa in piega, e il profumo persiste per un paio di giorni, cosa che adoro perché mi fa sentire in ordine come se avessi appena fatto lo shampoo.

La lacca, invece, è a marchio Farfalla, un brand venduto su Ecco Verde che mi ha riservato piacevoli sorprese nel tempo: l’ho presa senza sapere a cosa andavo incontro per il matrimonio di mio fratello, e ha tenuto su un’acconciatura (fatta dal parrucchiere) per un’intera, lunga e torrida giornata di luglio.

Perché lo adoro? Nemmeno l’umidità senese riesce a contrastare il suo fissaggio, almeno per i primi due giorni dallo shampoo, inoltre non appiccica i capelli e non li appesantisce, lasciandoli soffici e voluminosi; infine, nonostante contenga un pizzico d’alcool, questo evapora con l’erogazione, per cui non secca affatto i capelli.

 

Termino la mia carrellata con una piccola parentesi sulle spazzole, che probabilmente fanno più dei prodotti in sè: la mia Tangle Teezer (una Salon Élite, per l’esattezza) mi ha aiutata tantissimo a far allungare i capelli, che si spezzano molto meno da quando la uso, inoltre è fantastica per districare delicatamente i capelli bagnati. Per lo styling utilizzo una spazzola Termix con un diametro di 43 mm, è una spazzola con il corpo in metallo e setole sintetiche: il corpo trattiene il calore e lo rilascia gradualmente sul capello in maniera omogenea, pertanto consente di modellarne la forma, che viene conservata fino allo shampoo successivo. La utilizzo da circa 8 anni e non la cambierei con nient’altro, anche se sono curiosissima di provare la nuova Tangle TeezerBlow Style Round e la The Ultimate, che grazie al manico mi sembra molto più comoda della sua collega districante.
 
Il 2016 per me è stato l’anno delle rivelazioni in materia di cura dei capelli: ho provato tantissimi prodotti ed ho capito quali sono quelli adatti per migliorarli. Devo essere sincera, per anni ho odiato i miei capelli: odiavo il fatto che fossero ricci, crespi ed indomabili ed invidiavo profondamente le portatrici di folte chiome lisce ed impeccabili. Si sa, noi donne non siamo mai soddisfatte, ma siccome essere troppo severe con se stesse non giova mai, ho iniziato ad accettare i  miei capelli ed a capire come fare per migliorarli e valorizzarmi. 

Il primo trio di cui vi parlo è quello che riguarda le fasi di detersione, idratazione e styling.
Ho provato davvero tantissimi shampoo, ma quello che ho amato di più in assoluto è il BioShampoo protettivo Eos per lavaggi frequenti. 

Perché lo adoro? Ho acquistato questo shampoo in previsione delle vacanze, perché sapevo che sarei andata al mare tutti i giorni ed avrei avuto bisogno di lavare spessissimo i capelli. Questo shampoo ha una consistenza molto molto fluida, sembra già diluito,ma nonostante questo lava in profondità il cuoio capelluto ed idrata le lunghezze. I capelli rimangono puliti a lungo e la chioma si mantiene leggera e profumatissima. 

Da brava riccioluta, non possono non completare i miei lavaggi con un balsamo potentissimo, che sia in grado di disrtricare qualsiasi nodo possibile ed immaginabile. Una mia piacevolissima scoperta è stato questo Balsamo/maschera al melograno di AlterraAlterra, per chi non lo conoscesse, è un brand low cost naturale, certificato Natrue. Viene distribuito solamente dalla catena tedesca Rossmann, difatti ho fatto scorta di questi prodotti in occasione di un mio viaggio a Berlino. 

Perché lo adoro? Districa perfettamente i capelli ed al tempo stesso li idrata, inoltre non ha quell’odore persistente di alcool che hanno molti prodotti tedeschi. 

Per lo styling invece ho amato tantissimo il fluido modellante al miele Maternatura, che ho terminato e dovrò riacquistare al più presto. 

Perché lo adoro?  Devo dire che con questo fluido non è stato amore a prima vista: mi dava l’impressione che appiccicasse i capelli e favorisse la comparsa del crespo. Tuttavia, dopo aver imparato a dosarlo e ad adattarne le quantità ai miei capelli, l’ho amato alla follia e non potrei più farne a meno. Definisce perfettamente i ricci ed aiuta a mantenerli nel tempo, ha una consistenza gelatinosa ma lascia i capelli morbidi e leggeri, senza appesantirli. 

 

Ovviamente nella mia Haircare routine non possono mancare le erbe ayurvediche: faccio un impacco con alcune di esse una volta ogni due settimane, alternandole ad altri tipi di impacchi. Le erbe con cui ho familiarizzato di più quest’anno sono il Methi (fieno greco) e l’Amla

Perché le adoro? Il Methi è particolarmente indicato a chi ha i capelli ricci perchè è un’erbetta condizionante, volumizzante e stimola la crescita. Invece l’Amla rinforza e lucida i capelli. Le uso spesso in combo e mi stanno aiutando tantissimo a rinforzare i capelli e a dare vigore al mio riccio, lucidando al tempo stesso la chioma, tant’è che ormai faccio di rado il risciacquo acido.

Dulcis in fundo, voglio parlarvi di alcune chicche che ho avuto modo di provare e che sto amando alla follia. 

La prima di cui vi parlo è la maschera ristrutturante all’Amla e Crescione d’acqua di Le Erbe di Janas, che ho potenziato con l’Elisir ristrutturante

Perché la adoro? Uso questa maschera, alternandola ad altri impacchi, da tre mesi e come vedete non l’ho ancora terminata. La adoro perchè è un vero e proprio toccasana per i miei capelli, dopo il suo utilizzo li sento forti e lucidi e, grazie anche all’azione urto dovuta al mix con l’Elisir ristrutturante, ho notato anche un miglioramento sulla caduta stagionale dei capelli. Se volete approfondire, vi lascio qui la mia recensione. 

Un altro shampoo che ho amato molto è lo shampoo al fico d’india e rosmarino Le Erbe di Janas.

Perché lo adoro? Anche questo, come lo shampoo Eos, pulisce in profondità e mantiene puliti a lungo i capelli, lasciandoli soffici e morbidi. La differenza però sta nel fatto che questi shampoo le Erbe di Janas necessitano di essere diliuti, in quanto sono molto concentrati. 

Mi sono dimenticata di farvi la foto da vicino di spazzola per capelli e Spargishampoo     👉👈
Dello Spargishampoo ve ne ha parlato abbondantemente Rosy, possiedo entrambi i formati di Biofficina Toscana anche io e condivido in pieno quanto ha scritto.


Per quanto riguarda la spazzola, ho collezionato quasi tutte le varianti di Tangle Teezer presenti in commercio, ma la mia preferita è la Aqua Splash.

Perché la adoro? Districa i miei “rasta” senza farmi piangere in tutte le lingue del mondo, accompagnando dolcemente i capelli, senza tirarli o spezzarli. Grazie a lei ho molte meno doppie punte. 

Stavolta tagghiamo: Veronica (non potevi mancare!), VanessaMariangela
 
Come al solito, speriamo che vi sia piaciuto e che vi sia stato utile in qualche modo! 
Troverete il terzo episodio, relativo alla cura del corpo, online il 23/12. Non dimenticate l’hashtag, #dontmissitin2017 !
 
Alla prossima,
&
Image and video hosting by TinyPic
 
DISCLAIMER:
Questi prodotti sono stati da noi personalmente acquistati e utilizzati, fatta eccezione per quelli per cui è diversamente indicato. Non abbiamo percepito una retribuzione per la stesura di questo articolo, che riflette la nostra personale opinione.
Articolo originale di In Beauty Veritas.
Non è consentito ripubblicare, anche solo in parte, questo articolo senza il consenso del suo autore.
I contenuti sono distribuiti sotto licenza Creative Commons.
Follow:

20 Comments

  1. Roberta Romeo
    20 dicembre 2016 / 11:28

    Non ho mai provato nessuno di questi prodotti, l'eco bio non fa per me ma in effetti sono anche io alla ricerca dello shampoo perfetto, lo cambio spesso perchè dopo un po' i miei capelli sembrano abituarsi e non mi da più gli stessi risultati. Ottimi consigli comunque, grazie cara! ^-^

  2. Aisha
    20 dicembre 2016 / 11:28

    Il balsamo BioQ è strabiliante!!! L'ho provato anch'io e l'ho amato alla follia!! Penso di ricomprarlo quando avrò terminato il mio <3

    aishettina.blogspot.it

  3. Mary Bernardini
    24 dicembre 2016 / 11:46

    Ti do' pienamente ragione sullo shampoo: la calendula è l'ingrediente perfetto per calmare ogni tipo di prurito ed evitare il formarsi di pellicine in testa. Tantissimi auguri di Buone Feste
    Baci
    Mary

  4. 24 dicembre 2016 / 11:46

    La maschera Essere cocco-vaniglia devo assolutamente provarla *-*
    I prodotti di Janas li ho anche io ma non ho ancora avuto modo di provarli (troppi aperti da finire -.-)
    Il fluido Maternatura per me è ancora un "sni", li definisce e tutto, ma trovo che lui come molti altri fluidi per lo styling mi appesantiscano i capelli…rivelazione del momento per me sono gli oli *-*
    Ps grazie ancora del methi + amla che mi hai appena portato <3 <3 <3

  5. 24 dicembre 2016 / 11:46

    Quante cose meravigliose in questo post, ho l'imbarazzo della scelta su cosa commentare per primo ma comincerei dal fluido Maternatura: il profumino di questo prodotto mi ha rapita fin dal primissimo utilizzo, se ne uso più del necessario i capelli si sporcano più velocemente ma è inevitabile con la maggior parte dei leave in sui miei capelli super sottili. E poi quella carrellata de Le Erbe di Janas che punto da un sacco di tempo, semplicemente splendidi ed in particolare la maschera, dev'essere una bomba!

  6. 24 dicembre 2016 / 11:46

    Quante chicche interessanti!
    Il mio shampoo preferito in assoluto è quello de La saponaria al girasole e arancio dolce, per i miei capelli secchi è un portento. Poi ho scoperto la maschera all'aloe di Omia e wow, mai visto i miei capelli così morbidi 🙂

  7. Nunzia 82
    24 dicembre 2016 / 11:46

    Ciao cara, io sono sempre alla ricerca di nuovi prodotti per la cura dei miei capelli, grazie per questo post, proverò sicuramente qualcuno di questi cosmetici!

  8. Lizzy
    24 dicembre 2016 / 11:46

    molto interessanti questi prodotti!!!! ne proverò qualcuno…grazie delle tue recensioni! e del follow…ti seguo volentieri anche io!

  9. 24 dicembre 2016 / 11:46

    Devo provare il sapone (ma anche altri prodotti) di Domus, così come i "nuovi" prodotti de Le Erbe di Janas. Concordo sullo shampoo di Specchiasol invece, un bel prodottino!
    Proverò lo spray Farfalla! Sono sempre alla ricerca di una lacca bio efficace.

  10. 24 dicembre 2016 / 11:46

    Il Sapone Antiossidante di Domus Olea per me è un prodotto top, l'ottava meraviglia del mondo. Fa bene tutto quello che si decide di fargli fare.

  11. 24 dicembre 2016 / 21:12

    Grazie a te per essere passata <3 Trovare lo shampoo giusto non è mai una cosa semplice 🙂

  12. 24 dicembre 2016 / 21:12

    Sono contenta di esserti stata d'aiuto 🙂 con i prodotti Domus ci troviamo entrambe una favola,meritano davvero! Baci

  13. 24 dicembre 2016 / 21:12

    Si, la maschera ti confermo che è una bomba, per me è un investimento che vale la pena fare assolutamente, anche perchè la confezione mi sta durando più di tre mesi. Le erbette le adoro ed amo sperimentare nuovi mix ed anche loro mi stanno aiutando tantissimo. Per lo styling io mi trovo meglio con le creme rispetto ai gel, ma questo fluido rappresenta un'eccezione 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *